C'era una voltaRiflessioni

SULLA SCIA DEI RICORDI…

Nel giorno dell’Epifania, una carrellata di foto che ci riportano indietro nel tempo, alle festività natalizie dell’anno 2013, rievocando volti, nomi e luoghi a noi cari

Grati per i bei momenti che la nostra Famiglia parrocchiale ha condiviso nel tempo, con la speranza di poterne rivivere in fraterna armonia e serenità, “sfogliare” insieme questo “album virtuale” possa suscitare sentimenti di gratitudine e gioia (con un pizzico di nostalgia, anche) per ciò che è stato, ciò che è, tra immense difficoltà e contraddizioni del presente, e ciò che sarà.

Nulla è perduto e nulla di quel che appartiene a “ieri” sia abbandonato o dimenticato, ma venga custodito e doni di ritrovare, con modi e strumenti al passo con “l’uomo del nostro tempo”, l’entusiasmo per continuare ad edificare occasioni di incontro e comunione.

Talvolta le idee, le risorse, le ambizioni sembrano essere state “soffocate” da questo male che adombra i nostri giorni, e non solo, diventa dunque necessario rivedersi e ravvedersi, ritrovarsi e reinventarsi, senza rinunciare alla propria essenza, ma con quella capacità di accettare la storia che si pone dinnanzi, impegnandosi, senza riserve e scuse, a modificare ogni aspetto, pratico ed interiore, sacrificando probabilmente delle certezze che lasceranno spazio a nuovi slanci ed orizzonti che Dio, Eterno Creatore, non si stanca mai di suggerire, proponendo una “novità di vita” che esorta, come fu per i Re Magi, a procedere “per un’altra strada”.

Di seguito un testo di Douglas Malloch dal titolo “Sii il meglio di qualunque cosa tu possa essere”, un invito a vivere con i piedi nel presente e lo sguardo al Cielo, a cogliere nei mutamenti e nelle evoluzioni, delle occasioni per scorgere nuovi orizzonti e propositi, impegnandosi sempre e comunque ad essere, a pensare, a dire e fare ciò che di più bello il Signore ha posto nel cuore, con semplicità ed attingendo ai valori che orientano al bene:

Se non puoi essere un pino in cima alla collina,
sii una macchia nella valle, ma sii
la migliore, piccola macchia accanto al ruscello;
sii un cespuglio, se non puoi essere un albero.

Se non puoi essere un cespuglio, sii un filo d’erba,
e rendi più lieta la strada;
se non puoi essere un luccio, allora sii solo un pesce persico-
ma il persico più vivace del lago!

Non possiamo essere tutti capitani, dobbiamo essere anche un equipaggio,
c’è qualcosa per tutti noi qui,
ci sono grandi compiti da svolgere e ce ne sono anche di più piccoli,
e quello che devi svolgere tu è li, vicino a te.

Se non puoi essere un’autostrada, sii solo un sentiero,
se non puoi essere il sole, sii una stella;
Non è grazie alle dimensioni che vincerai o perderai:
sii il meglio di qualunque cosa tu possa essere.

Print Friendly, PDF & Email

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità ed eventi della Parrocchia.

Ti sei iscritto con successo alla Newsletter

Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare la richiesta. Per favore riprova.

Parrocchia San Cristoforo Canneto will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.